Le immagini trasmesse da al Jazira sono state di una chiarezza abbagliante. È l’eroismo palestinese il vero evento dei nostri tempi. Un intero esercito, una marina e un’aeronautica riforniti con generosità e senza condizioni dagli Stati Uniti hanno seminato la distruzione su quel 18 per cento della Cisgiordania e 60 per cento della Striscia di Gaza concessi ai palestinesi dopo dieci anni di negoziati con Israele e Stati Uniti. Ospedali, scuole, campi profughi e abitazioni civili palestinesi sono stati il bersaglio dell’assalto spietato e criminale condotto dai soldati israeliani stipati dentro elicotteri da combattimento, F-16 e carriarmati. Ma i combattenti male equipaggiati della resistenza hanno affrontato questa forza assurdamente superiore con straordinario coraggio e senza arretrare di un passo. Negli Stati Uniti, la Cnn e i giornali preferiscono non ricordare – sia detto a loro disonore – che "la violenza" è impari e che le parti coinvolte non sono due: c’è soltanto uno Stato che rivolge tutto il suo enorme potere contro un popolo senza Stato, più volte costretto all’esilio e diseredato, privo di armi e di una vera leadership, allo scopo di distruggerlo "assestandogli un colpo terribile", come ha dichiarato senza vergogna il criminale di guerra che guida Israele. Per dimostrare la follia di Sharon potrei citare quello che ha detto ad Ha’aretz il 5 marzo: "Dietro al terrorismo c’è l’Autorità Palestinese. Dietro al terrorismo c’è Arafat. La nostra pressione vuole far finire questo terrore. Non aspettatevi che Arafat agisca contro il terrorismo. Dobbiamo infliggergli perdite pesanti e allora capiranno di non poter continuare a usare il terrorismo per ottenere dei risultati politici".

Il silenzio sull’inferno dell’occupazione
Le parole di Sharon sono sintomatiche. Oltre a rivelare i meccanismi di una mente ossessionata dal pensiero della distruzione e dominata dall’odio assoluto, dimostrano il fallimento della ragione e dello spirito critico che regna sul mondo dopo il settembre scorso. Certo, c’è stata una spaventosa violenza terroristica, ma nel mondo non c’è solo il terrorismo. C’è la politica, la lotta, la storia, l’ingiustizia, la resistenza e anche il terrorismo di Stato. Senza troppe proteste del mondo accademico e dell’intellighenzia americana, abbiamo ceduto a un cattivo uso del linguaggio e della ragione, grazie al quale tutto ciò che non ci piace è diventato terrorismo e quello che facciamo è solo e soltanto un bene, combattere il terrorismo, poco importa quante vite umane, quanta ricchezza, e quanta distruzione siano in gioco.
Israele ora sta combattendo una guerra contro i civili, pura e semplice, anche se negli Stati Uniti la situazione non sarà mai presentata in questi termini. Una guerra razzista, e anche una guerra coloniale per tattica e strategia. La gente viene uccisa e costretta a soffrire indicibilmente perché non è ebrea. L’immagine che arriva negli Stati Uniti è che gli israeliani stanno combattendo per la loro sopravvivenza, invece che per gli insediamenti e le basi militari nelle terre occupate della Palestina. L’8 marzo, il giorno più cruento per i palestinesi in sedici mesi di intifada, il principale notiziario serale della Cnn ha parlato della morte di quaranta "persone" ma non ha fatto nessun cenno alla morte di diversi operatori della Mezzaluna Rossa uccisi mentre le loro ambulanze erano bloccate dai carri armati israeliani perché non raggiungessero i feriti. Soltanto "persone", senza nessuna immagine dell’inferno in cui hanno vissuto in questo trentacinquesimo anno di occupazione militare.

Città assediate e bombardate
Tulkarem, sottoposta a un assedio durissimo con ventiquattr’ore di coprifuoco, tagli dell’elettricità e dell’acqua, pattugliamenti sistematici e l’arresto di ottocento giovani, la deliberata distruzione delle case dei rifugiati, immense distruzioni di beni (non mi riferisco a night-club o strutture sportive, ma a baracche e tettoie che hanno offerto riparo a profughi due volte esiliati) e innumerevoli casi di sadismo nei confronti di civili indifesi e inermi che vengono malmenati, picchiati e lasciati morire dissanguati. Le donne sono costrette a partorire bambini già morti mentre aspettano inutilmente ai posti di blocco israeliani, i vecchi vengono costretti a spogliarsi, a togliersi le scarpe e a camminare a piedi nudi davanti a un diciottenne con la gomma in bocca che imbraccia un M-16 pagato con le mie tasse di contribuente americano. Il centro della città e l’università di Betlemme distrutti dai prodi bombardieri israeliani che arrivano rombando con i loro meravigliosi F-16, anche questi pagati con i miei soldi. Il campo di Balata, i campi di Aida, Deheishe e Azza, i minuscoli villaggi di Khadr e Husam, tutti ridotti in macerie senza che la stampa americana ne faccia cenno, perché per la maggior parte dei giornalisti di New York ovviamente non è un problema. I molti morti e feriti, gli insepolti e le persone senza assistenza, per non parlare delle centinaia di migliaia di vite mutilate, strozzate, segnate da una sofferenza inflitta deliberatamente, tutto ciò ordinato a distanza di sicurezza nel verde e nella calma di Gerusalemme Ovest da uomini per cui la Cisgiordania e Gaza sono covi di ratti pullulanti di insetti che devono essere "sottomessi" e stanati, che devono subire una lezione, per usare il gergo dei militari israeliani. Ramallah, nell’attacco più feroce di tutti, è stata invasa e devastata da centoquaranta carriarmati israeliani, che hanno così completato la riconquista dei Territori palestinesi già occupati.
I palestinesi stanno pagando il prezzo pesante di Oslo, che dopo dieci anni di negoziati li ha lasciati con frammenti di terra privi di coerenza e continuità, apparati di sicurezza destinati a garantire la loro sottomissione a Israele, e una vita che li rende sempre più poveri affinché lo Stato ebraico possa fiorire e prosperare. Inutilmente in questi dieci anni alcuni di noi hanno ammonito da lontano che il divario tra il linguaggio di pace israeliano-americano e la terribile realtà sul terreno non era e non sarebbe mai stato colmato. Parole e frasi come "processo di pace" e "terrorismo" hanno preso piede senza nessun rapporto con un referente reale. Le confische di terra venivano ignorate o rinviate ai "negoziati bilaterali" in corso tra uno Stato impegnato a consolidare la sua morsa su un territorio che voleva a tutti i costi e un gruppo mediocre di negoziatori poco informati, che hanno aspettato quattro anni per dotarsi di una mappa affidabile della terra su cui stavano negoziando. La cosa più grave di tutte è che nei cinquantaquattro anni trascorsi dal 1948 non si è mai permesso che emergesse una storia dell’eroismo e delle sofferenze palestinesi. Siamo tutti dipinti come estremisti violenti e fanatici, poco più dei terroristi che George W. Bush e la sua combriccola hanno imposto alla coscienza di una popolazione sconvolta e sistematicamente disinformata.

La proposta saudita
Ma ora che la proposta di pace saudita è diventata un oggetto di discussione e di speranza, credo che sia necessario collocarla in un contesto reale, e non ipotetico. Innanzitutto è un riciclaggio del piano Reagan del 1982, del piano Fahd del 1983, del piano di Madrid del 1991 e così via: in altri termini, fa seguito a una serie di piani proposti più volte, che alla fine Israele e Stati Uniti non solo si sono rifiutati di attuare ma hanno attivamente ostacolato. A mio giudizio, i soli negoziati che meritano di essere tenuti dovrebbero riguardare le fasi del totale ritiro israeliano e non, come è avvenuto a Oslo, un mercanteggiamento sulle fette di territorio che Israele è disposto – molto di malavoglia – a cedere.
Edward W. Said

Edward W. Said

Edward W. Said è nato nel 1935 a Gerusalemme ed è morto a New York il 25 settembre 2003. Esiliato da adolescente in Egitto e poi negli Stati Uniti, è stato professore di Inglese e di Letteratura Comparata alla Columbia University di New York. Formatosi a Princeton ed Harvard, Said ha insegnato in più di centocinquanta Università e scuole negli Stati Uniti, in Canada ed in Europa. I suoi scritti sono apparsi regolarmente sul Guardian di Londra, Le Monde Diplomatique ed il quotidiano in lingua araba al-Hayat. Nel suo libro Orientalismo, - pubblicato per la prima volta nel 1978 - ha analizzato l'insieme di stereotipi in cui l'Occidente ha chiuso l'Oriente, anzi, l'ha creato. Questo saggio ha conosciuto un successo mondiale ed è più che mai di attualità perché rievoca la storia dei pregiudizi popolari anti-arabi e anti-islamici e rivela più generalmente il modo in cui l'Occidente ha percepito "l'altro". Edward W. Said ha sempre lottato per la dignità del suo popolo e contro coloro che hanno demonizzato l'Islam. Ex socio del Consiglio Nazionale Palestinese, fu un negoziatore "nell'ombra" del conflitto arabo-israeliano. A causa della sua pubblica difesa dell'autodeterminazione palestinese, a Said è stato impedito l'ingresso in Palestina per molti anni. Si è opposto agli accordi d'Oslo ed al potere di Yasser Arafat, che ha fatto vietare i suoi libri nei territori autonomi. Conosciuto tanto per la sua ricerca nel campo della letteratura comparata quanto per i suoi interventi politici incisivi, Said è stato uno degli intellettuali più in vista negli Stati Uniti. La sua opera è stata tradotta in quattordici lingue. Con Feltrinelli ha pubblicato: Dire la verità. Gli intellettuali e il potere (1994, 2014), Tra guerra e pace. Ritorno in Palestina-Israele (1998), Orientalismo (1999, 2013), Sempre nel posto sbagliato. Autobiografia (2000, 2013), Fine del processo di pace. La questione palestinese dopo Oslo (2002), Nel segno dell’esilio. Riflessioni, letture e altri saggi (2008), Musica ai limiti. Saggi e articoli (2010).

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>