Holly e Jessica, le due bambine di dieci anni che vivevano in un tranquillo villaggio inglese vicino a Cambridge, scomparse domenica 4 agosto dalla loro casa, sono state uccise, secondo la polizia inglese, dal bidello e dall’insegnante di sostegno della scuola che frequentavano. Quindi le due bambine conoscevano i loro assassini, e quell’incondizionata fiducia che chiunque di noi può leggere negli occhi dei pre-adolescenti che si affacciano alla vita è stata ancora una volta usata per spegnere sul nascere la loro gioia di esistere. Pedofilia? Probabilmente. Ma qui il duplice assassinio è maturato in un contesto fiduciario che è la scuola. Una scuola dove forse è troppo scarsa l’attenzione sul personale che viene assunto per il lavoro più delicato del mondo che è quello dell’educazione dei bambini. Troppo spesso la scuola, in Inghilterra come da noi, pubblica o privata che sia, viene considerata un’agenzia per l’assegnazione di posti di lavoro, a cui si accede per titoli e punteggi che fanno riferimento a tutto (voto di laurea, esami di abilitazione dove sommariamente si verifica la competenza culturale, figli a carico, ricongiungimento al coniuge) fuorché al tipo di personalità che si mette in aula ad insegnare o fuori dall’aula a sorvegliare. Quel che conta è l’occupazione e lo stipendio. Non l’idoneità pedagogica o la struttura psicologica della personalità che nessuno verifica o sottopone a test che pure esistono e che andrebbero praticati su vasta scala per evitare di immettere, non dico dei pedofili nelle nostre scuole, ma anche semplicemente delle personalità disturbate, incapaci di creare uno straccio di comunicazione emotiva, così essenziale perché un apprendimento possa essere proficuo. Il risultato è che, senza arrivare all’eccesso di questa tragedia consumata in Gran Bretagna, che tanto ha scosso l’opinione pubblica inglese, oggi iscrivere un figlio a scuola è un vero e proprio terno al lotto. Può capitarti l’insegnante idoneo e capace, così come può capitarti chi non solo non ti insegna nulla, ma ti rovina il carattere, iniettandoti giorno dopo giorno dosi costanti di demotivazione che ti fanno odiare non solo i libri, ma la vita stessa. E poi ci si lamenta dei giovani, abulici, disfattisti, disinteressati. Ma dove hanno passato la loro pre-adolescenza se non sui banchi di scuola a perdere progressivamente fiducia in se stessi e voglia di fare? E allora se è vero che uno alto 1 metro e 50 non può fare il corazziere, perché chi è assolutamente privo di capacità comunicativa, chi ha una personalità disturbata, chi ha deviazioni sessuali che mettono a rischio l’incolumità psichica quando non fisica, come in questo caso, dei pre-adolescenti affidati alle loro cure, perché costui può fare l’educatore? Solo perché necessita di un’occupazione e di uno stipendio a cui lo abilitano qualità che non sono quelle essenziali per crescere bambini che necessitano di competenze non solo culturali, ma psicologiche e formative? Ci siamo occupati di Holly e Jessica non per il gusto dell’orrore che la loro morte inevitabilmente suscita, e neppure per scavare in quel mondo perverso della pedofilia dove, tra l’altro, in nessun paese d’Europa si stanno prendendo seri provvedimenti nonostante il fenomeno sia ovunque dilagante, ma perché questo fatto si è consumato all’interno di quei rapporti fiduciari che a scuola si stabiliscono tra bambini e adulti preposti alla loro cura, senza che un minimo di verifica mai si faccia per stabilire idoneità e adeguata competenza. Perché se anche i luoghi di affidamento e di fiducia diventano luoghi a rischio allora qualche riflessione sulla nostra civiltà, così attenta a difendersi dai pericoli esterni, bisognerà pur farla, per capire se tutti i nostri apparati di tutela non abbiano maglie troppo larghe proprio là dove si svolge la quotidianità della vita, come in quel piccolo villaggio inglese dove due bambine di 10 anni, uscite, a sentir loro, per comperare un po’ di caramelle, non sono più tornate, uccise da chi le doveva preparare alla vita. è dalla quotidianità che si misura il grado di civiltà di un paese, e ancor più dalla sicurezza e dalla serenità che si garantisce ai bambini, in quella fase in cui con una fiducia incondizionata si aprono alla vita. Non rispondere a questa fiducia e non garantire sicurezza nei luoghi di quotidiana frequentazione, come può essere la scuola, dice quanto sono diventate precarie le nostre condizioni d’esistenza e quanto incerto sia il nostro futuro se i bambini, pur nella sovrabbondanza delle cose di cui dispongono, sono così a rischio.
Umberto Galimberti

Umberto Galimberti

Umberto Galimberti, nato a Monza nel 1942, è stato dal 1976 professore incaricato di Antropologia Culturale e dal 1983 professore associato di Filosofia della Storia. Dal 1999 è professore ordinario all’università Ca' Foscari di Venezia, titolare della cattedra di Filosofia della Storia. Dal 1985 è membro ordinario dell’international Associ ation for Analytical Psychology.

Dopo aver compiuto studi di filosofia, di antropologia culturale e di psicologia, ha tradotto e curato Jaspers, di cui è stato allievo durante i suoi soggiorni in Germania:
Sulla verità (raccolta antologica), La Scuola, Brescia, 1970.
La fede filosofica, Marietti, Casale Monferrato, 1973.
Filosofia, Mursia, Milano, 1972-1978, e Utet, Torino, 1978.

Di Heidegger ha tradotto e curato:
Sullessenza della verità, La Scuola, Brescia, 1973.

Opere

1975 - Heidegger, Jaspers e il tramonto dellOccidente, Marietti, Casale Monferrato, (Ristampa, Il Saggiatore, Milano, 1994).
1977 - Linguaggio e civiltà, Mursia, Milano, (2° edizione ampliata 1984).
1979 - Psichiatria e Fenomenologia, Feltrinelli, Milano.
1983 - Il corpo, Feltrinelli, Milano, 1983 (Premio internazionale S. Valentino d’oro, Terni, 1983).
1984 - La terra senza il male. Jung dall’inconscio al simbolo, Feltrinelli, Milano (premio Fregene, 1984)
1977 - Linguaggio e civiltà, Mursia, Milano, (2° edizione ampliata 1984).
1985 - Antropologia culturale, ne Gli strumenti del sapere contemporaneo, Utet, Torino.
1986 - Invito al pensiero di Heidegger, Mursia, Milano.
1987 - Gli equivoci dell'anima, Feltrinelli, Milano.
1988 - La parodia dell'mmaginario in W. Pasini, C. Crepault, U. Galimberti, L'immaginario sessuale, Cortina, Mila no.
1989 - Il gioco delle opinioni, Feltrinelli, Milano.
1992 - Dizionario di psicologia, Utet, Torino. (Nuova edizione: Enciclopedia di Psicologia, Garzanti, Milano, 1999).
1992 - Idee: il catalogo è questo, Feltrinelli, Milano.
1994 - Parole nomadi, Feltrinelli, Milano.
1996 - Paesaggi dell'anima, Mondadori, Milano. (Nuova edizione: Feltrinelli, Milano, 2017).
1999 - Psiche e techne. Luomo nelletà della tecnica, Feltrinelli, Milano.
2000 - E ora? La dimensione umana e le sfide della scienza (opera dialogica con Edoardo Boncinelli e Giovanni Maria Pace), Einaudi , Torino.
2000 - Orme del sacro, Feltrinelli, Milano (premio Corrado Alvaro 2001).
2001 - La lampada di psiche, Casagrande, Bellinzona.
2003 - I vizi capitali e i nuovi vizi, Feltrinelli, Milano.
2004 - Le cose dell'amore, Feltrinelli, Milano.
2005 - Il tramonto dellOccidente, Feltrinelli, Milano.
2006 - La casa di psiche. Dalla psicoanalisi alla consulenza filosofica, Feltrinelli, Milano.
2007 - Lospite inquietante. Il nichilismo e i giovani, Feltrinelli, Milano.
2008 - Il segreto della domanda. Intorno alle cose umane e divine, Apogeo, Milano.
2009 - I miti del nostro tempo, Feltrinelli, Milano.
2012 - Cristianesimo. La religione dal cielo vuoto, Feltrinelli, Milano.
2018 - La parola ai giovani. Dialogo con la generazione del nichilismo attivo, Feltrinelli, Milano.
2018 - Nuovo dizionario di psicologia, psichiatria, psicoanalisi, neuroscienze, Feltrinelli, Milano

 

 

È in corso di ripubblicazione nell’Universale Economica Feltrinelli l’intera sua opera.

Traduzioni all'estero

Francese: (Il corpo) Les raisons du corps, Grasset Mollat, Paris, 1998
(Le cose dell’amore) Qu'est-ce-que l'amour?, Payot, Paris, 2008;

Tedesco: (Gli equivoci dellanima) Die Seele. Eine Kulturgeschichte der Innerlichk eit, Verlag Turia + Kant, Wien, 2003
(Le cose dellamore) Liebe, Beck, Monaco, 2006;

Greco: (Storia dellanima) Historia tes psyches, Apollon, Thessaloniki, 1989
(Paesaggi dellanima)Topia psyches, Itamos, Athina, 2001
(Gli equivoci dell’anima) Parermeneíes tes psyches, University Studio Press, Athina, 2004;

Spagnolo: (Dizionario di psicologia) Diccionario de psicologia, Siglo Veintiuno Editores, Città ; del Messico 2002
(Le cose dell’amore), Las cosas del amor, Imago mundi, Madrid, 2006;

Portoghese: (Orme del sacro) Rastros do sagrado, Paulus, São Paulo, Brasil, 2003
(I vizi capitali e i nuovi vizi) Os vícios capitais e os novos vícios, Paulus, São Paulo, Brasil, 20 04
(Psiche e techne. Luomo nell'età della tecnica) Psiche e techne. O homen na idade da t&eac ute;cnica, Paulus, São Paulo, Brasil, 2005
(Le cose dellamore), Coisas do amor, Caleidoscopio, Casal de Cambra, 2009;

Giapponese: I vizi capitali e i nuovi vizi, Tokio, 2004;

Sloveno: (Lospite inquietante. Il nichilismo e i giovani), Grozljivi Gost: Nihili zem in mladi, Modrijan, Ljubljana, 2009;

Olandese: (I miti del nostro tempo), Mythen van onze tijd, Ambo, Amsterdam 2011.

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>