Quando é iniziata la decadenza che ci fa vivere in un mondo globalizzato, corrotto, inquinato e incline alla guerra? E come si é esaurita la fantasiosa libertà dei "favolosi" anni Sessanta? Lo scrittore Stefano Benni non ha dubbi. L´inizio di tutti i guai é coinciso con due eventi luttuosi: lo scioglimento dei Beatles e, dieci anni più tardi, la morte di John Lennon. E´ così che venerdì sera al Teatro dal Verme, per il concerto d´avvio della rassegna "Note di Viaggio" (progettata da Mario Brunello), l´autore ha iniziato a raccontare una divertente storia semibiografica, giocata sull´ironia e la provocazione. Il ritratto di un giovane bolognese in cerca di lavoro nella Londra dei Beatles, tra fabbriche "dickensiane" in mattoni rossi e fanciulle che abbandonano la giusta causa musicale del quartetto di Liverpool per fuggire con Mick Jagger. Di fronte ad un pubblico compiacente, ma esiguo, l´Orchestra d´Archi Italiana ha quindi sfatato il cliché della povertà musicale britannica con tre lavori fra modernismo, avanguardia e idiomi popolari: la Simple Symphony di Benjamin Britten, selezione di canzoni dei Beatles (trascritte con una certa originalità da Stefano Nanni) e il suggestivo The protecting veil del contemporaneo John Tavener, che ha trovato nel violoncello solista di Mario Brunello un interprete in stato di grazia. Toccante, espressivo, disposto a trovare sfumature impercettibili di suono. Ma il concerto, che segnava in apertura anche una mediocre clonatura narrativa in stile Baricco (declamata da Eric Minetto della "Scuola Holden"), ha messo in luce la musicalità straripante e l´efficacia direttoriale del violista Danilo Rossi. A suo agio anche nel bis: una trascrizione da The dark side of the moon dei Pink Floyd.
Stefano Benni

Stefano Benni

Stefano Benni è nato a Bologna nel 1947. Con Feltrinelli ha pubblicato: Prima o poi l’amore arriva (1981), Terra! (1983), Stranalandia, con disegni di Pirro Cuniberti (1984), Comici spaventati guerrieri (1986), Il bar sotto il mare (1987), Baol (1990), Ballate (1991), La Compagnia dei Celestini (1992), L’ultima lacrima (1994), Elianto (1996), Bar Sport (1996; Edizione speciale, 2016), Bar Sport Duemila (1997), Blues in sedici (1998), Teatro (1999), Spiriti (2000), Dottor Niù. Corsivi diabolici per tragedie evitabili (2001), Saltatempo (2001), Teatro 2 (2003), Achille piè veloce (2003), Margherita Dolcevita (2005), Misterioso. Viaggio nel silenzio di Thelonious Monk (2005), La grammatica di Dio. Storie di solitudine e allegria (2007), Pane e tempesta (2009), Le Beatrici (2011; “Audiolibri Emons-Feltrinelli”, 2012), Fen il fenomeno (con Luca Ralli; 2011), Di tutte le ricchezze (2012; “Audiolibri Emons-Feltrinelli”, 2012), Pantera (con Luca Ralli; 2014), Cari mostri (2015), Prendiluna (2017), Teatro 3 (2017), Dancing Paradiso (2019) e, nella collana digitale Zoom Flash, Frate Zitto (2011) e L’ora più bella (2012). Nell'area audiolibri ha letto: La terra desolata di T.S. Eliot (Full Color Sound), Novecento di Alessandro Baricco (Emons-Feltrinelli, 2011) e il suo Di tutte le ricchezze (Emons-Feltrinelli, 2012).

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>