La battaglia per l´abolizione della caccia alla volpe torna in Parlamento, accompagnata da un impressionante filmato sugli scontri tra cacciatori a cavallo e "animalisti". A luglio la camera dei Comuni aveva approvato l´abolizione totale di quello che i tradizionalisti inglesi considerano un nobile sport e gli avversari un crudele passatempo. Ieri la questione è passata all´esame della camera dei Lord, che potrebbe bocciare almeno parzialmente il provvedimento. La previsione è che il conflitto durerà molti mesi: dunque la prossima stagione di caccia, che si apre in ottobre, comincerà come previsto. La questione si trascina dal '97, quando il New Labour di Tony Blair andò al potere promettendo tra l´altro di abolire la caccia alla volpe. Il premier in realtà pensava a una regolamentazione più che a un´abolizione, ma all´inizio di questa estate i Comuni hanno deciso di vietarla del tutto. Il voto deve essere ora confermato dalla camera dei Lord, che - pur essendo stata riformata da Blair - rimane un bastione del conservatorismo.
Ma intanto la tensione ha ripreso a salire. In vista della riapertura della caccia, i gruppi animalisti hanno diffuso un filmato in cui si vedono i loro militanti calpestati dai cavalli e malmenati dai cacciatori nei boschi del Sussex. Ma la tv Sky ha trasmesso anche interviste con cacciatori a cui gli animalisti avevano bruciato le stalle. E ora la polizia teme che incidenti simili possano ripetersi.
Enrico Franceschini

Enrico Franceschini

Enrico Franceschini (Bologna, 1956), giornalista e scrittore, è da più di trent'anni corrispondente dall’estero per “la Repubblica”, per cui ha ricoperto le sedi di New York, Washington, Mosca, Gerusalemme e attualmente Londra. Nel 1994 ha ricevuto il Premio Europa per le sue corrispondenze sul golpe di Mosca. Per Feltrinelli ha pubblicato La donna della Piazza Rossa (1994), Russia. Istruzioni per l’uso (1998), Fuori stagione (2006), Avevo vent’anni. Storia di un collettivo studentesco. 1977-2007 (2007), Voglio l’America (2009), L’uomo della Città Vecchia (2013) e Scoop (2017).

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>