Tengo subito a dire che le considerazioni che seguono non intendono essere un commento alla sentenza che ha mandato assolto il professor Capizzano dall’accusa di violenza sessuale per i rapporti intrattenuti con diverse studentesse dell’università di Camerino, ove insegnava. Le sentenze non si commentano, e tantomeno ovviamente si criticano se non si conoscono gli atti del processo e se non si sono lette le motivazioni. E io non conosco gli atti. Quelle che seguono dunque sono solo considerazioni sollevate dal caso giudiziario che ha turbato (a dir poco) la vita dell’università di Camerino, nella quale tra l’altro ho anch’io a lungo insegnato, in anni ormai lontani. E sono considerazioni che, come spesso accade, vengono suggerite da un testo classico. Un testo scritto in momenti in cui la morale sessuale era molto diversa da quella attuale e in cui, certamente, non si era ancora sviluppata quella sensibilità al problema del consenso al rapporto sessuale, peraltro molto recente e purtroppo non ancora patrimonio di tutti. Si tratta di un passaggio della Politica (1315 a 17), in cui Aristotele elenca i comportamenti che i monarchi devono evitare se vogliono mantenere il potere: essi devono evitare ogni atto di hybris ; soprattutto devono evitare due tipi di comportamento: percuotere i sudditi e abusare della loro giovinezza.
Per individuare il legame tra questa affermazione e il problema del consenso al rapporto sessuale sono necessari alcuni chiarimenti. Cosa i greci intendessero con la parola hybris è ben noto: era un comportamento che esprimeva tracotanza, prepotenza, e che, scrive Aristotele nella Retorica, disonorava la vittima (Rhet., 1378 b 20, 1374 a 13). Fortemente riprovata a livello sociale, la hybris era anche un reato, che comprendeva una molteplicità di comportamenti eterogenei, e certamente non si identificava solo con la violenza sessuale. Ma posto che violentare una donna la "disonorava", la violenza sessuale poteva rientrare nel concetto di hybris ed essere penalmente perseguita come tale.
A questo punto, il passo sopra citato della Politica assume un significato che a prima vista può sfuggire: per i greci era violenza sessuale non solo il rapporto ottenuto con la violenza fisica, ma anche quello ottenuto usando una posizione di potere: nell’ipotesi fatta da Aristotele, quella del monarca. Un professore, certo, non è un monarca. Ma il discorso dello Stagirita induce a interrogarsi sui rapporti tra docenti e discenti, tra datori di lavoro e sottoposti, su tutti i rapporti in cui la posizione e il ruolo delle parti sono disequilibrati e spesso ambigui, anche per chi li vive da una parte e dall’altra. C’era già chi si poneva questo problema nel IV secolo a.C. I tempi dovrebbero essere maturi per discuterne seriamente l’importanza e le implicazioni.
Eva Cantarella

Eva Cantarella

Eva Cantarella ha insegnato Diritto romano e Diritto greco all’Università di Milano ed è global visiting professor alla New York University Law School. Tra le sue opere ricordiamo: Norma e sanzione in Omero. Contributo alla protostoria del diritto greco (Milano, 1979), Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico (Milano, 1987; 2006; In Ue Feltrinelli, con nuova prefazione dell'autrice, 2016), Il ritorno della vendetta. Pena di morte: giustizia o assassinio? (Milano, 2007), I comandamenti. Non commettere adulterio (con Paolo Ricca; Bologna, 2010), “Sopporta, cuore...”. La scelta di Ulisse (Roma-Bari, 2010). Per Feltrinelli ha pubblicato Passato prossimo. Donne romane da Tacita a Sulpicia (1996), Itaca. Eroi, donne, potere tra vendetta e diritto (2002, premi Bagutta e Forte Village), L’amore è un dio. Il sesso e la polis (2007, premio Città di Padova per la saggistica; “Audiolibri-Emons Feltrinelli”, 2011), Dammi mille baci. Veri uomini e vere donne nell’antica Roma (2009), L’ambiguo malanno. Condizione e immagine della donna nell’antichità greca e romana (2010), Pompei è viva (con Luciana Jacobelli; 2013), Perfino Catone scriveva ricette. I greci, i romani e noi (2014), Non sei più mio padre. Il conflitto tra genitori e figli nel mondo antico (2015), L'importante è vincere. Da Olimpia a Rio de Janeiro (con Ettore Miraglia; 2016), Come uccidere il padre. Genitori e figli da Roma a oggi (2017), l’edizione rivista de I supplizi capitali (2018), Gli inganni di Pandora. L'origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica (2019) e ha tradotto Le canzoni di Bilitis (2010) di Pierre Louÿs. Nella collana digitale Zoom è uscito L’aspide di Cleopatra (2012). Per Gli amori degli altri. Tra cielo e terra, da Zeus a Cesare (La Nave di Teseo, 2018) e per la sua opera in generale, ha ricevuto recentemente il premio Hemingway e il premio Pescasseroli.

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>