Alle cinque ora italiana l'ufficio di "Un ponte per..." è assediato dalle telecamere e dai cronisti. Dentro, un appartamentino al secondo piano affacciato su piazza Vittorio Emanuele, nella Roma dei negozi multietnici, una decina di persone tenta di mantenere la calma. Da poco più di mezz'ora circola la notizia del rapimento di Simona Pari e Simona Torretta, le due operatrici di ‟Un ponte per...” giù in Iraq, insieme ai due operatori iracheni, e i portavoce qui sono debordati dalle richieste: conferme, schiede biografiche, commenti. Il fatto è che loro di commenti ne fanno pochissimi - dobbiamo prima capire bene come stanno le cose, ripetono. La notizia è arrivata come un fulmine, a metà pomeriggio, con una telefonata dall'ufficio di Baghdad. Fabio Alberti, presidente di "Un ponte per...", in quel momento era al Comune di Roma per discutere - ironia della sorte - di una certa iniziativa di dialogo con la società civile irachena. Era là anche Riccardo Troisi, della ‟Rete Lilliput” a Roma, che fa parte del comitato ‟Fermiamo la guerra” (è il Comitato che sta lavorando a quell'idea della società civile irachena). "Avevamo già fatto una missione in Iraq, stavamo preparando la prossima più avanti in settembre", spiega Troisi: "L'idea è invitare a Roma rappresentanti di gruppi di donne, per i diritti umani, sindacatti, scuola, gruppi sociali religiosi, per dare voce qlla società irachena e fare un grande incontro con la società civile italiana". Bella idea, aiuterebbe a far emergere ciò che esiste in Iraq al di là degli eserciti e le milizie, articolare un discorso in cui esistono forze sociali e politiche al di là delle armi... Ma invece, con l'irruzione nella villetta di Baghdad le armi riprendono la scena.
Rientro precipitoso in ufficio. Telefonate a Baghdad, telefonate alla Farnesina. Straordinario come riescano a mantenere la calma, o almeno questa è l'impressione che danno anche se poi sono tutti freneticamente al telefono. Crolla anche il sito web - troppe richieste di contatto - e l'esperta informatica lavora sodo per ripristinarlo. Quello dei giornalisti ormai è un assedio - tv, agenzie di stampa italiane e straniere: premono, finché gli viene chiesto di uscire, perfavore, e loro attendono pazienti sulle scale.
Simona Pari e Simona Torretta non si sentivano minacciate, dice il portavoce Lello Rienzi. Dunque non vi aspettavate un pericolo? "Assolutamente no. L'ultima volta che le ho sentite era dopo l'episodio del missile", quello caduto sul muro di cinta della villetta dove si trova l'ufficio di Un ponte per... nella capitale irachena (era il 2 settembre). Quell'episodio non vi aveva messo in allarme? "Missili erano caduti in diversi punti del quartiere, non solo da noi. E lo sai, un missile è un fatto normale a Baghdad. In ogni caso loro erano tranquille". Non avevate avuto avvertimenti? Un ufficiale del Sismi ha dichiarato proprio questa mattina, al Comitato parlamentare di controllo sui servizi, che avevano segnalazione del rischio di sequestro di donne italiane in Iraq. Qualcuno vi aveva avvertito? "No. Non avevamo avuto nessuna segnalazione".
Nelle stanzette di piazza Vittorio arriva Francesco Martone, senatore indipendente dei Verdi - che nel pomeriggio ha diffuso un comunicato per chiedere al ministro degli esteri se erano state prese misure per protegere i civili, stanti gli avvertimenti del Sismi. Arrivano, alla spicciolata, rappresentanti delle organizzazioni che formano il Comitato Fermiamo la Guerra (quello che aveva organizzato le marce del 15 febbraio 2003 e del 20 marzo scorso). Discutono con quali parole lanciare un appello a favore dei rapiti: le trovano, in serata, in un "appello per la liberazione delle ragazze e i ragazzi rapiti in Iraq". Molte telefonate devono chiedere "c'è una manifestazione?" perché sentiamo rispondere: "No, è un sit-in autoconvocato. Sono degli amici e amiche, vogliono andare davanti a palazzo Chigi". Infatti davanti alla sede del governo italiano verso le otto di sera c'è una cinquantina di persone: non è una manifestazione politica, sono soprattutto cooperanti internazionali, persone che lavorano dove ci sono guerre e violenza e conoscono una o l'altra delle due Simone.
L'assedio dei media continua, giù sotto i portici di piazza Vittorio è comparso un camioncino delle tv. C'è voluto il sequestro perché i media italiani si ricordassero che esiste questa piccola organizzazione non governativa, che lavora in Iraq da tutti gli anni `90 e ha continuato a lavorarci durante la guerra, e nel cruentissimo dopoguerra che ora sta travolgendo anche loro. "Abbiamo dei progetti a lungo termine, la ristrutturazione di centrali per la potabilizzazione dell'acqua, e poi la ristrutturazione della biblioteca di Baghdad", riferisce Rienzi, "Ma l'emergenza incalza e negli ultimi tempi si sono occupate di mandare medicinali a Falluja, acqua a Najaf". "E poi avevano appena finito una scuola estiva in un quartiere di Baghdad, 250 bambini: era un modo non solo per toglierli dalla strada, con il rischio di restare in mezzo in uno scontro a fuoco, ma anche per recuperare un po' di normalità". Ma la normalità resta lontana, a Baghdad.
Marina Forti

Marina Forti

Marina Forti è inviata del quotidiano "il manifesto". Ha viaggiato a lungo in Asia meridionale e nel Sud-est asiatico. Dal 1994 cura la rubrica "TerraTerra" che riporta storie quotidiane in cui si intrecciano ambiente, sviluppo e conflitti. Ha ricevuto, nel 1999, il prestigioso premio "Giornalista del mese".

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>