Si troveranno oggi pomeriggio, con Umberto Bossi e con le loro proposte per contrastare il piano Pisanu. E proprio Bossi, arrivato a sorpresa ieri sera a una festa leghista nel Varesotto, ha tracciato la sua linea: dobbiamo far tornare nei loro Paesi chi non ha un lavoro e non ha la possibilità di crearsi una vita normale. Non siamo in grado di mantenere milioni di persone. Poi indicando i bambini seduti in prima fila ha aggiunto: dobbiamo pensare soprattutto a loro, gli ultimi atti di terrorismo mi hanno molto impressionato. È l’antipasto del piano che il Carroccio sta elaborando: frontiere sbarrate a tutti agli immigrati ed espulsioni immediate per persone semplicemente sospettate di terrorismo, spiega il capogruppo leghista Andrea Gibelli.
Un pacchetto che poi arriverà sul tavolo tecnico-politico, ma che farà i conti con la posizione del ministro dell’Interno: non mi muovo di un millimetro, ha detto Pisanu. Domani poi si dovrà votare in Parlamento il rifinanziamento della missione italiana in Iraq. E ieri è stato Sandro Bondi, coordinatore nazionale di Forza Italia, a lanciare una proposta all’opposizione: ‟Si trovi una ampia intesa sulla politica estera”. Bondi è certo: ‟Sono particolarmente interessanti gli ordini del giorno elaborati dagli onorevoli Antonio Maccanico e Umberto Ranieri. Prevede di potenziare le forze armate irachene l’ordine del giorno di Maccanico (Dl) e di Ranieri (Ds) e questo per assicurare il controllo dell’intero territorio nazionale prima di provvedere al ritiro, graduale, dei contingenti italiani.
Insieme con Bossi e i ministri Roberto Calderoli, Roberto Castelli e Roberto Maroni al tavolo di via Bellerio, oggi pomeriggio, ci sarà anche il nuovo capogruppo della Lega alla Camera, Andrea Gibelli. Dice: ‟Il nostro principale obiettivo per combattere il terrorismo è allontanare dal territorio italiano gli indesiderati, chiunque possa essere sospettato di aver a che fare con cellule islamiche pericolose. Si potrebbe immaginare anche un meccanismo di ‟black list”, le liste nere gia usate negli Usa: chiunque vi compaia deve essere allontanato immediatamente dall’Italia ‟. La Lega aveva già proposto di sospendere il trattato di Schengen per rendere più difficile il passaggio alle frontiere. Ma nel pacchetto oggi potrebbe arrivare una proposta più rigida. Aggiunge infatti Gibelli: ‟Vorremmo valutare la possibilità di chiudere completamente le frontiere all’immigrazione, in maniera preventiva, per non correre rischi”.
Alessandra Arachi

Alessandra Arachi

Alessandra Arachi, nata a Roma nel 1964, giornalista al “Corriere della Sera”, con Feltrinelli ha pubblicato: Briciole. Storia di un’anoressia (1994), da cui è stato tratto l’omonimo film per tv con la regia di Ilaria Cirino (2004), Leoncavallo blues (1995), Unico indizio: la normalità. L’Italia a sud dell’Italia (1997), Coriandoli nel deserto (2012). Ha pubblicato inoltre Non più briciole (Longanesi 2015), Lunatica. Storia di una mente bipolare (Rizzoli, 2006) e il romanzo E se incontrassi un uomo perbene? (Sonzogno, 2007).

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>