"'La traviata' commuove ancora perché si sente il grido disperato di Violetta – ha spiegato Cristina Comencini ad 'Ateneonline' – un grido che gli altri ritengono banale, o scambiano con il sesso o il gioco. La sua storia serve a raccontare il nostro sogno per un amore perduto, ciò che noi vorremmo e non abbiamo e che per questo ci manca. Quando cambiano i tempi e si lotta per conquistare maggiori libertà, si rischia di commettere altri errori. E l’eccesso oggi è pensare che la velocità dei rapporti umani possa uccidere l’amore puro".
Cristina Comencini

Cristina Comencini

Cristina Comencini (Roma, 1956), scrittrice e regista, con Feltrinelli ha pubblicato: Le pagine strappate (1991, 2006), Passione di famiglia (1994), Il cappotto del turco (1997), Matrioška (2002), La bestia nel cuore (2004), Due partite (2006, 2015), L’illusione del bene (2007), Quando la notte (2009; anche in audiolibro nel 2011), Lucy (2013), Voi non la conoscete (2014) e, per la collana digitale Zoom, La nave più bella (2012). I suoi film: Zoo (1988), I divertimenti della vita privata (1990), La fine è nota (1992), Va’ dove ti porta il cuore (1996), Matrimoni (1998), Liberate i pesci (2000), Il più bel giorno della mia vita (2002), La bestia nel cuore (2005, nominato all’Oscar per l’Italia; dvd Feltrinelli ‟Le Nuvole”, 2006), Bianco e nero (2008) e Quando la notte (2011).

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>