‟La legalità, in questo Paese, è ancora qualcosa che ha poche chances… Mi sono convinto che, affinché la giurisdizione funzioni, è necessario esista una cultura generale di rispetto delle regole” Mentre in Italia ‟quella tra cittadino e legalità è una relazione sofferta, la cultura di questo Paese di corporazioni è basata soprattutto su due categorie: furbizia e privilegio”. Sono alcune delle amare considerazioni che Gherardo Colombo, magistrato di spicco del pool ‟Mani pulite” e autore de Il vizio della memoria, ha fatto in un’intervista al ‟Corriere della Sera” in cui annuncia la sua intenzione di lasciare la magistratura.
Nello speciale l'estratto dal libro, l'intervista al "Corriere" e articoli.

Torna alle altre news >>