Dicevano gli hippies e altri liberi pensatori, non tanto tempo fa, che l’eros ("make love, not war") era la strada maestra della rivoluzione mondiale. La tesi era leggermente monomaniaca. Sta di fatto che, negli ultimi anni, tutte le pulsioni reazionarie, così bene riorganizzate attorno ai fanatismi religiosi e alle varie ortodossie confessionali, convergono nella repressione sessuale. Il caso dell’adolescente americano condannato a dieci anni di galera, in Georgia, per avere fatto sesso orale con una coetanea consenziente è semplicemente mostruoso, e l’America liberal ne sta facendo giustamente uno scandalo nazionale. Insopportabile anche l’aggressione di strada che due Veri Maschi Islamici hanno attuato, a Milano, contro la coraggiosa, civile ragazza marocchina che si batte per i diritti delle donne immigrate, spesso pestate da padri e fratelli perché osano sentirsi padrone di se stesse e del proprio corpo. I codici patriarcali, i richiami all’appartenenza tribale, la Famiglia brandita come una clava, la violenza impaurita e infurentita nel nome del Padre rischiano di diventare (o sono già diventati) la forma corrente del Fascismo Mondiale, siano i giudici cristiani della Georgia o gli imam fanatici a sferrare il colpo. Alziamo la guardia, e facciamolo in fretta, o i nostri figli cresceranno in un mondo molto meno libero del nostro.

Torna alle altre news >>