Daniel Barenboim non parteciperà alle celebrazioni per 160 anni dalla fondazione di Israele. Il celebre direttore d'orchestra israelo-argentino,che a gennaio ottenne la cittadinanza onoraria palestinese, non prenderà parte alle manifestazionl del 14 maggio perché, ha spiegato, ‟i 60 anni dell'indipendenza israeleliana rappresentano anche i 60 anni di sofferenza del popolo che era qui prima (i palestinesi)”.
Nella conferenza stampa in cui esponeva il suo pensiero, Barenboim, sottolinea il sito web dell'Yediot Aharonot, ha usato l'espressione araba al-Naqba (la catastrofe) per indicare la nascita dello Stato ebraico.
Nato a Buenos Aires e cresciuto in Israele, Barenboim dirigerà stasera un'orchestra di giovani musicisti israeliani e palestinesl (la West-eastern Diwan orchestra, formata negli anni scorsi con l'intellettuale palestinese-americano Edward Said. Si tratta di una prima assoluta per l'ensemble a Gerusalemme dove suoneranno In pubblico pezzi di Mozart e Mendelsson. Criticato dalla destra per aver eseguito perpri ma in Israele brani di Wagner, il compositore preferito di Adolf Hitler, Barenboim ha battezzato l'evento ‟Concerto per due popoli”, ‟contro l'ignoranza e la mancanza di curiosità” di entrambe le parti In conflitto.
Daniel Barenboim

Daniel Barenboim

Daniel Barenboim (1942) è un pianista e direttore d'orchestra argentino-israeliano. A sette anni dà il suo primo concerto ufficiale nella sua città. Nel 1952 si trasferisce con la famiglia in Israele. A dieci anni debutta come pianista a Vienna e a Roma, poi a Parigi nel 1955, a Londra nel 1956 e a New York nel 1957 sotto la direzione di Leopold Stokowski. Da allora compie regolari tournée in Europa, negli Stati Uniti, in Sud America, in Australia e in Estremo Oriente. Dal 1975 al 1989 è Direttore musicale dell’Orchestre de Paris, dal 1991 al giugno 2006 Direttore musicale della Chicago Symphony Orchestra. Dal 1992 è Generalmusikdirektor della Staatsoper Unter den Linden di Berlino, di cui è stato anche Direttore artistico dal 1992 all’agosto 2002. Nell’autunno 2000 la Staatskapelle di Berlino lo ha nominato Direttore principale a vita. Nel 2007 è stato insignito del titolo di Maestro scaligero del Teatro alla Scala di Milano. Nel 1999 fonda insieme a Edward Said la West-Eastern Divan Orchestra, formata da giovani musicisti di Israele e dei paesi arabi. Nel 2007 è stato onorato in Giappone del Praemium Imperiale per la Cultura e le Arti e nominato Ambasciatore delle Nazioni Unite per la Pace dal Segretario generale Ban Ki Moon. Ha pubblicato anche A Life in Music (1991, 2002), Paralleli e paradossi (con Edward Said; il Saggiatore, 2004), Dialoghi su musica e teatro. Tristano e Isotta (con Patrice Chéreau; Feltrinelli, 2008), La musica è un tutto (Feltrinelli, 2012; Ue, 2014), La musica sveglia il tempo (2013) e ha scritto la prefazione a Insieme. Voci della West-Eastern Divan Orchestra (Feltrinelli, 2009) di Elena Cheah.

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>