Chiedere "lealtà repubblicana" a Berlusconi è stato, da parte di Veltroni, un puro espediente retorico: come pretendere da un esquimese che coltivi datteri. Poiché la nostra Repubblica è nata dall’antifascismo, Berlusconi non può condividerne (e neppure capirne) la natura stessa. La sua goffaggine politico-istituzionale nasce soprattutto da questa totale alienità: la Repubblica italiana, per lui, è come un paese straniero che, inspiegabilmente, coincide con quello dove lui abita e lavora. Anche l’ennesima ruvidezza (di ieri) contro il Quirinale, che a noi pare un’arrogante cafonata, vista dal suo punto di vista è al massimo un piccolo errore di grammatica dovuto alla sua scarsa dimestichezza con la lingua repubblicana.
Il problema suo e dei suoi (anche di molti suoi elettori) è dunque ridurre ai minimi termini la Repubblica, l’antifascismo, la Costituzione e qualche altro dettaglio, per potersi finalmente sentire "padroni in casa propria", come direbbe il Senatur. Il problema è che, a quel punto, sarebbero gli italiani che si riconoscono nella Repubblica e nella Costituzione a sentirsi stranieri in Patria. Credo che questo sfugga a parecchi miei amici di sinistra che si astengono perché "tanto è uguale". Berlusconi lo sa, che non è uguale. È più intelligente lui dei super-intelligenti che non vanno a votare.

Torna alle altre news >>