Gaia Servadio si è spenta a 83 anni la notte del 20 agosto a Roma, dove si trovava da qualche tempo. Per molti decenni è stata protagonista della scena giornalistica e culturale italiana e di Londra, città in cui viveva fin dal 1956. Nel corso della sua carriera ha pubblicato ben 37 libri, il primo dei quali, il romanzo satirico Tanto gentile e tanto onesta del 1967, ha avuto dodici edizioni da parte di Feltrinelli ed è stato tradotto in 8 lingue.  Come reporter aveva seguito la guerra dei Sei Giorni in Israele. Ha scritto per La Stampa, il Corriere della Sera, il Times e l’Observer, e girato documentari per la Rai e per la Bbc.

“Raccogliamo le vele, remiamo; non un indugio: la vita - e non sono certo io la prima a dirlo - è una traversata di mare, di tempeste, di bonacce, di albe radiose e di tramonti spaventosi”.

La storia appassionante della sua vita è stata raccontata nella ricchissima biografia Raccogliamo le vele. Sulla scheda del libro una galleria fotografica tratta dal volume e un video.

Raccogliamo le vele
Gaia Servadio

Gaia Servadio

Giornalista, narratrice, saggista e pittrice, Gaia Servadio vive dal 1956 a Londra, tra l’Inghilterra e l’Italia. Ha esordito su “Il Mondo” di Pannunzio e ha poi lavorato per “La Stampa”. Ha lavorato inoltre per la Bbc radio e televisione, il “Corriere della Sera”, “The Observer”, “The Times”, “The Sunday Times” e “The Daily Telegraph”. È stata vicepresidente della stampa estera a Londra; ha fatto parte dell’esecutivo della London Symphony Orchestra, ha affiancato Claudio Abbado nell’organizzazione del festival Mahler and the Second School of Vienna (Londra 1982-83) e ha collaborato con il teatro Massimo di Palermo. In Italia è stata insignita del titolo di Cavaliere ufficiale della Repubblica dal presidente Sandro Pertini e poi di quello di Commendatore dal presidente Giorgio Napolitano. Ha tenuto conferenze e lezioni presso le università di Oxford e Cambridge (anche alla Oxford Union), a Londra, Manchester, Edimburgo, New Delhi, Melbourne, Toronto, Sydney. Per due anni ha lavorato all’organizzazione di un festival delle arti in Siria. Ultimamente, ha parlato al Literary Festival di Oxford (sul libretto d’opera), alla National Gallery di Londra (sulla donna nella Riforma e nella Controriforma), al Festival di Todi “Rossini allo specchio”. Con Feltrinelli ha pubblicato: Tanto gentile e tanto onesta (1967), L’azione consiste. Don Giovanni (il dissoluto punito) (1968), Il Metodo (1970), Raccogliamo le vele (2014), Gioachino Rossini (2015), I viaggi di Dio (2016) e Mozia. Fenici in Sicilia (2018). Ha inoltre introdotto per l’Universale Economica Londra. Una guida per donne in viaggio (1995) di Josie Barnard. Per i “Classici” ha curato Salomè (2008) di Oscar Wilde.

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>