Dopo il Nobel per la Letteratura nel 2016, a quasi vent’anni da Chronicles, a novembre 2022 il grande ritorno in libreria di Bob Dylan con La filosofia della canzone contemporanea per Feltrinelli Editore.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere informato quando il libro sarà prenotabile:

Jonathan Karp, presidente e ceo di Simon&Schuster, ha presentato così il nuovo libro di Dylan: “La pubblicazione dell’opera geniale e caleidoscopica di Bob Dylan sarà una celebrazione internazionale della canzone da parte di uno dei più grandi artisti del nostro tempo. Solo Dylan poteva scrivere La filosofia della canzone contemporanea. La sua voce è unica e questa opera trasmette il suo amore profondo e la sua comprensione delle canzoni, delle persone che le hanno portate alla luce e del significato che le canzoni hanno per tutti noi.”

Il libro

Era il 2010 quando Bob Dylan ha cominciato a lavorare su questo libro: uno studio sull’arte e il mestiere di scrivere canzoni. 60 pezzi brevi su 60 canzoni di altri artisti, da Stephen Foster a Elvis Costello, da Domenico Modugno ai Clash, passando per Hank Williams e Nina Simone. Dylan analizza quella che chiama “la trappola delle rime facili”, mostra come l’aggiunta di una sola sillaba possa cambiare una canzone, e magari rovinarla, ed esplora le parentele fra i generi musicali: possibile che il bluegrass, branca del country, abbia elementi in comune con l’heavy metal?

Questi brevi saggi sono scritti con la prosa di cui solo la sua scrittura è capace. Misteriosi e lunatici, intensi e profondi, sempre esilaranti. E, se a prima vista parlano di musica, in verità sono meditazioni, riflessioni che toccano la condizione umana. Il libro è costellato di 150 fotografie e di riff onirici che, presi assieme, suonano come un poema epico e portano a compimento la trascendenza dell’opera.

Nel 2020, con l'uscita del suo eccezionale album Rough and Rowdy Ways, Dylan è diventato il primo artista ad avere un album nella Top 40 di Billboard in ogni decennio dagli anni 60. La filosofia della canzone contemporanea contiene molto di ciò che ha imparato sul mestiere della musica in tutti questi anni e, come tutte le opere di Dylan, anche questa è un’opera d’arte epocale. La traduzione è di Alessandro Carrera.

L’autore

Bob Dylan, nato nel 1941 a Duluth, nel Minnesota, all’età di vent’anni si è fatto conoscere a New York come folksinger e cantautore. Da allora ha pubblicato oltre cinquanta album di canzoni, un libro di disegni e l’autobiografia Chronicles. Volume 1 (Feltrinelli, 2005); Feltrinelli ha pubblicato anche The Bob Dylan Scrapbook (2005), Tarantula (2007) e The Nobel Lecture  (2017). Con Things Have Changed (2001) ha vinto il premio Oscar per la migliore canzone. Ha ricevuto una menzione speciale al premio Pulitzer nel 2008. Nel 2016 gli è stato assegnato il premio Nobel per la Letteratura “per aver creato nuove espressioni poetiche nell’ambito della tradizione della grande canzone americana”.

In uscita a novembre il nuovo libro di Bob Dylan

Torna alle altre news >>