Il probabile addio di Rooney all'Everton? Macchè. La campagna acquisti di Abramovich per il Chelsea? Neppure. Il passaggio di Kluivert al Newcastle? Neanche. La notizia che fa sobbalzare i tifosi di calcio inglesi, e pure gli inglesi non tifosi, è un'altra, riportata con grande evidenza da ogni tabloid del Regno, sparata a tutta prima pagina dal ‟Daily Mirror”: "Nancy dumps Sven", Nancy scarica Sven. I cognomi non servono: tutti, in questo paese, sanno di chi si parla. E se è normale che conoscano lo svedese Sven Goran Eriksson, perché allena la nazionale di football, può sembrare strano che conoscano altrettanto bene la donna che, dopo sei anni di rapporti turbolenti, ora lo ha piantato. Ma non è strano. Nancy Dell'Olio, l'avvocatessa italiana di 45 anni al centro della vicenda, è un personaggio delle cronache londinesi: pedinata dai paparazzi, invitata a cerimonie a Buckingham Palace e a feste per Vip in discoteca, a suo agio in compagnia di David e Victoria (Beckham) così come di Tony e Cherie (Blair). Non capita spesso che un nostro connazionale riceva tante attenzioni dai media e dall'alta società britannici. Né può essere solo gloria riflessa, ossia merito di Eriksson: è Nancy, con i suoi sorrisi smaglianti, il suo caratterino mediterraneo, le sue audaci scollature, che ha conquistato gli inglesi. I quali le chiedono l'autografo come alla star di una telenovela. Del resto la loro storia è stata una telenovela. Si conoscono a Roma, quando lui allena la Lazio e lei è sposata con un azionista della società biancoceleste: è amore a prima vista, tocca al compito Sven comunicare la novità al marito. Trasferitisi a Londra dopo l'assunzione di Sven come ct della nazionale, lui la tradisce con una bionda presentatrice tv svedese: ma Nancy lo perdona. Li fotografano su uno yacht, mentre Nancy gli bacia un piede: pace fatta. Un giorno lei dice in tv: "Mi mantengo in forma facendo tanto l'amore". La rivelazione non piace al riservato Sven, ma è la sua nomea di dongiovanni a provocare guai: i giornali scrivono che tradisce Nancy, di nuovo, con una bella e giovane segretaria. La segretaria smentisce. Nancy, che è in vacanza da sola in Italia, piomba a Londra e dopo una notte di litigate dice basta. Come in una crisi di governo, la federcalcio inglese esprime "pieno sostegno" al proprio coach. Il sostegno a Nancy lo esprimono i suoi amici: "Sven non è abbastanza uomo, non le dedica sufficienti attenzioni". Di lei sentiremo ancora parlare, assicurano i tabloid. La telenovela che aveva rimpiazzato quella tra Carlo e Diana, tuttavia, è finita e non sarà facile rimpiazzarla.
Enrico Franceschini

Enrico Franceschini

Enrico Franceschini (Bologna, 1956), giornalista e scrittore, è da più di trent'anni corrispondente dall’estero per “la Repubblica”, per cui ha ricoperto le sedi di New York, Washington, Mosca, Gerusalemme e attualmente Londra. Nel 1994 ha ricevuto il Premio Europa per le sue corrispondenze sul golpe di Mosca. Per Feltrinelli ha pubblicato La donna della Piazza Rossa (1994), Russia. Istruzioni per l’uso (1998), Fuori stagione (2006), Avevo vent’anni. Storia di un collettivo studentesco. 1977-2007 (2007), Voglio l’America (2009), L’uomo della Città Vecchia (2013) e Scoop (2017).

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>