Uno dei giorni più felici, per questo Paese, sarà quando il Papa potrà dire qualunque cosa, su qualunque argomento, senza suscitare alcuna reazione. Se non quelle, comprensibili, dei cattolici, ai quali il Papa si rivolge: se la vedano tra loro. Non ho mai capito perché i laici reagiscano con tanta suscettibilità a giudizi che non li riguardano minimamente. Se la ragione è che temono ingerenze della Chiesa nella vita politica, il modo migliore per dare rilievo e peso alle opinioni del Papa, o dei vescovi, è proprio drammatizzarle, ingigantirne il peso. Non esiste altro Paese al mondo nel quale una materia in fondo così specialistica, così parziale, così opinabile come la precettistica della Chiesa romana in materia sessuale, ottenga un clamore così spropositato. Basta mettere il naso fuori dall’Italia per capire che siamo rimasti l’unico paese al mondo che sia papista e antipapista. Disposto a dividersi e a litigare per settimane su ogni singola frase che esca dal Vaticano. D’accordo che il Papa è il vescovo di Roma, ma non sarà un poco provinciale questo incaponirsi, questo discettare sui tabù e sui regolamenti interni di un gruppo tutto sommato ristretto di sacerdoti anziani? Nelle edicole di Parigi, Londra, Madrid, di tutto questo non c’è traccia. A un’ora di aereo, già si parla d’altro. Suvvia.

Torna alle altre news >>