Il vero scandalo è che siano considerate scandalose le fotografie di un uomo politico a pochi metri da un transessuale, in un Paese che non considera scandalosa la presenza in Parlamento di politici corrotti, inquisiti e anche già definitivamente condannati. Il moralismo sessuale va di pari passo con l’immoralità della vita pubblica, il voyeurismo volgare dell’opinione pubblica e dei media si sposa perfettamente con la cecità sui reati finanziari, sulla corruzione, sull’accumulo di denaro illecito, sulle marchette economiche. Quando si dice che il gossip prospera quando non ci siano altri argomenti pregnanti in circolazione, si dice una evidente verità. Il gossip dilaga perché trova vuoti gli spazi che andrebbero consacrati alle conversazioni serie: chi ha altro da pensare, in genere, non dedica al pettegolezzo che qualche pausa leggera e inoffensiva. Il giovane manager Corona si è allargato ben oltre i normali limiti della sua professione perché ha colto il momento: il mercato delle paparazzate era fino a pochi anni fa una nicchia breve come una messimpiega, pochi rotocalchi specializzati per un’occhiata distratta. Ora, grazie all’orrore televisivo e alla degenerazione ruffiana di molti quotidiani, il gossip è un settore primario, e ha sfrattato da molti cervelli il rischio di pensare al sodo.

Torna alle altre news >>