Difficile dire se sia più ridicolo o più disgustoso considerare "trendy" i criminali, e metterli sotto contratto come è capitato al rom che ha ammazzato quattro ragazzi guidando ubriaco. Per altro, dal momento che la cronaca nera oramai è diventata uno show in piena regola, e i media ci si ingrassano, e gli inserzionisti pubblicitari pure, perché non riconoscere ai delinquenti un salario minimo garantito (vedi il tariffario di Cinecittà, compresi contributi enpals)? E anche a testimoni, inquirenti, parenti, passanti opinionisti, per non discriminare nessuno? Trascorsi i primi tre minuti di telegiornale (diritto di cronaca, gratis), ogni minuto di "approfondimento" o di talk-show dovrebbe essere regolarmente retribuito a chi ci mette la faccia. Per esempio Vespa dovrebbe versare a Amanda qualche migliaio di euro. Alla Franzoni: milioni di euro. Alla cittadinanza di Cogne: miliardi di euro. I vantaggi di questa soluzione sono evidenti. Il primo: i criminali non avrebbero bisogno di cercarsi un secondo lavoro come testimonial o come bellimbusto da discoteca. Secondo: i media, dovendo sborsare dei quattrini per ficcare le mani nel sangue, forse sarebbero costretti a diminuire la dose di violenza e sadismo nella quale guazzano.

Torna alle altre news >>