Difficile capire chi si diverte a diffondere la notizia che Berlusconi stia per candidare attricette, subrettine, ballerine, sciantose, veline e insomma quasi l’intera gamma delle ficone da palinsesto. Forse, a mettere in giro la voce, sono le stesse ragazze. Forse i loro press-agent, o la loro mamma. Forse sono le balle spaziali che circolano a nugoli, come gli asteroidi, nel complicato cosmo della cosiddetta informazione.
Di certo, queste notizie viaggiano veloci soprattutto in forza di una loro prerogativa indiscutibile: sono tutte perfettamente credibili, in quanto compatibili con il neo-mondo concepito e quindi messo in opera da questo infaticabile demiurgo. Del resto, anche se lo avete colpevolmente dimenticato, Maria Giovanna Elmi venne eletta dal centrodestra presidente dello Stabile di Trieste. E Cesare Cadeo venne proposto, a Milano, come assessore alla Cultura. E dunque, leggendo che una certa Angela, di professione "la Rossa del Grande Fratello", potrebbe essere candidata da Berlusconi, non solo non ci si stupisce, ma ci si sente sollevati: poteva candidare le Lecciso, e non lo ha fatto.

Torna alle altre news >>