Esiste una sostanza politica, sotto il fango del caso Feltri-Boffo? Qualcosa che non sia solo pregiudizio e colpo basso? Sì, esiste. Scopo profondo dell’attacco a Boffo è dimostrare che ognuno, in questo paese, ha qualcosa da nascondere. E che questa specie di tara collettiva impedisce a chiunque di giudicare chiunque: arma finale, questa inattendibilità etica del giudizio, contro i "moralisti di sinistra" e la loro detestabile pretesa di superiorità.
La famosa "tristezza" della sinistra, frutto di una malinconica e quasi depressa visione di questi anni, è niente al cospetto di questo genere di tristezza di destra. Il pessimismo circa la natura umana appartiene alla (migliore) tradizione culturale di destra. Ma pensare che in fin dei conti tutti ci si dibatta nella stessa guazza, con gli stessi bassi fini, la stessa furbizia, la stessa trafelata mediocrità, è una visione della vita al tempo stesso gretta e disperata. Di buono, di bello, di onesto, di giusto, anche solo di meno peggio, non resta niente. Ringrazio Feltri per avermi fatto finalmente capire perché non potrei mai essere di destra: sono troppo allegro.

Torna alle altre news >>