Ricerca Autori

Autori lettera V

    Caroline Vermalle

    Caroline Vermalle

    Caroline Vermalle (Piccardia, 1973) è figlia di un pilota di caccia e di una bibliofila. Appassionata di viaggi, cinema e avventura, ha studiato scienze cinematografiche e ha prodotto documentari per la Bbc a Londra. Nel 2007 è tornata in Francia e, dopo aver girato il mondo per quasi un anno insieme alla famiglia, si è stabilita a Vendée, di fronte all’oceano Atlantico, per dedicarsi interamente alla scrittura. I suoi romanzi sono stati tradotti con successo in Germania e in Spagna. Feltrinelli ha pubblicato La felicità delle piccole cose (2014), Due biglietti per la felicità (2015) e Due cuori a Parigi (2016).

    Vai alla scheda >>

    Jean-Pierre Vernant

    Jean-Pierre Vernant

    Jean-Pierre Vernant (Provins, 1914 - 2007) è stato uno storico e antropologo francese. Studioso dell’età classica, si è occupato in modo particolare della mitologia greca. Fra le sue opere ricordiamo Mito e pensiero presso i Greci (Einaudi, 1970), L’universo, gli dèi, gli uomini. Il racconto del mito (Einaudi, 2000), Senza frontiere. Memoria, mito e politica (Cortina, 2005), Pandora, la prima donna (Einaudi, 2008) e Le origini del pensiero greco (Feltrinelli, 2011).

    Vai alla scheda >>

    Jules Verne

    Jules Verne

    Jules Verne (1828-1905) raggiunse la fama nel 1863 pubblicando su una rivista Cinque settimane in pallone, un’opera che inaugurò un nuovo genere letterario ispirato dalle conquiste tecnico-scientifiche, un genere di narrativa che in seguito gli inglesi avrebbero denominato science-fiction, fantascienza. Scrisse oltre sessanta libri, tra questi i più noti sono Viaggio al centro della Terra (1864), Dalla Terra alla Luna (1865), Intorno alla Luna (1870), I figli del capitano Grant (1867-8), Ventimila leghe sotto i mari (1869-70), L’isola misteriosa (1874), Michele Strogoff (1876), oltre naturalmente a Il giro del mondo in ottanta giorni (1873) e Ventimila leghe sotto i mari (2018).

    Vai alla scheda >>

    Cecilia Veronese

    Cecilia Veronese

    Vai alla scheda >>

    Delfina Vezzoli

    Delfina Vezzoli

    Vai alla scheda >>

    Riccardo Viale

    Riccardo Viale

    Vai alla scheda >>

    Guido Viale

    Guido Viale

    Guido Viale, nato a Tokyo nel 1943, e vive a Milano. Ha lavorato in diverse società di ricerca e progettazione in ambito economico, sociale e ambientale e svolge un’intensa attività pubblicistica. Si è occupato di rifiuti per conto dell’associazione Amici della Terra, dell’Enea, del ministero dell’Ambiente. Tra le sue opere: Il Sessantotto. Tra rivoluzione e restaurazione (Mazzotta, 1978; NdA press, 2008); Governare i rifiuti (Bollati Boringhieri, 1999); A casa. Una storia irritante (L’Ancora del Mediterraneo, 2001); Vita e morte dell’automobile. La mobilità che viene (Bollati Boringhieri, 2007); Azzerare i rifiuti. Vecchie e nuove soluzioni per una produzione e un consumo sostenibili (Bollati Boringhieri, 2008); Prove di un mondo diverso. Itinerari di lavoro dentro la crisi (NdA press, 2009); La civiltà del riuso. Riparare, riutilizzare, ridurre (Laterza, 2010); La conversione ecologica. There is no alternative (NdA press, 2011). Con Feltrinelli ha pubblicato Un mondo usa e getta. La civiltà dei rifiuti e i rifiuti della civiltà (1994; UE, 2000), Tutti in taxi. Demonologia dell’automobile (1996) e Virtù che cambiano il mondo (2013). Ricordiamo inoltre Il Sessantotto tra rivoluzione e restaurazione (Milano 1978).

     

    Vai alla scheda >>

    Riccardo Vianello

    Riccardo Vianello

    Vai alla scheda >>

    Serena  Vicari Haddock

    Serena Vicari Haddock

    Vai alla scheda >>

    Patrizia Vicentini

    Patrizia Vicentini

    Vai alla scheda >>

    Simona Viciani

    Simona Viciani

    Vai alla scheda >>

    Pierre Vidal-Naquet

    Pierre Vidal-Naquet

    Pierre Vidal-Naquet (1930 - 2006), storico di fama internazionale, è stato direttore di ricerca all'école des Hautes Etudes en Sciences Sociales dal 1969 al 1990, anno in cui è succeduto a Jean-Pierre Vernant nella direzione del Centre Louis Gernet di studi comparati sulle società antiche. Ha pubblicato con Jean-Pierre Vernant i due volumi Mito e tragedia nell'antica Grecia (Einaudi 1976 e 1991). Ha scritto pochi libri, perché , come ha dichiarato lui stesso, gli era più congeniale la misura del saggio breve e dell'articolo. Altri suoi libri in italiano sono: Gli assassini della memoria (Editori Riuniti 1993), La democrazia greca nell'immaginario dei moderni (Il Saggiatore 1996), Il mondo di Omero (Donzelli 2001) e Lo specchio infranto (Donzelli 2002).

    Vai alla scheda >>

    Ricci Videha

    Ricci Videha

    Swami Anand Videha Ricci cura da anni le opere di Osho tradotte in italiano e collabora con diverse Case editrici per rendere sempre più acces-sibile la Visione di un Uomo Nuovo, cui ha dedicato la propria vita.

    Vai alla scheda >>

    Ada Vigliani

    Ada Vigliani

    Vai alla scheda >>

    Enrique Vila-Matas

    Enrique Vila-Matas

    Enrique Vila-Matas (Barcellona, 1948) è autore di una vasta, provocatoria e personalissima opera narrativa, insieme intimista e sperimentale, elegante e sfrontata, che include romanzi, racconti, articoli e saggi. Feltrinelli ha pubblicato Il mal di Montano (2005), Parigi non finisce mai (2006), Dottor Pasavento (2008), Storia abbreviata della letteratura portatile (2010), Dublinesque (2010), Esploratori dell’abisso (2011), Un’aria da Dylan (2012), Bartleby e compagnia (UE, 2013), Kassel non invita alla logica (2015), Un problema per Mac (2019). Cavaliere della Legion d’Onore della Repubblica francese, tradotto in ventinove lingue, ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra gli ultimi, in Italia, il Premio Bottari Lattes Grinzane nel 2011, il Premio Gregor von Rezzori nel 2012 e il Premio Feronia Città di Fiano nel 2017.

    Vai alla scheda >>

    Emilio Villa

    Emilio Villa

    Vai alla scheda >>

    Paolo Villaggio

    Paolo Villaggio

    Paolo Villaggio (1932-2017) ha scritto oltre venti libri, tra cui: Fantozzi (1971; Bur, 2003), Il secondo tragico libro di Fantozzi (1974; Bur, 2003), Fantozzi contro tutti (1979; Bur, 2003), Vita, morte e miracoli di un pezzo di merda (Mondadori, 2002), Sette grammi in settant’anni. L’odissea di un povero obeso (Mondadori, 2003), Sono incazzato come una belva (Mondadori, 2004), Gli fantasmi (Rizzoli, 2006), Storie di donne straordinarie (Mondadori, 2009) e Crociera lo cost (Mondadori, 2010). Ha scritto e portato in scena il monologo autobiografico Delirio di un povero vecchio (2000-2001). Nel 2009 ha ricevuto il David di Donatello alla carriera. Con Feltrinelli ha pubblicato Storia della libertà di pensiero (2008; UE, 2010) e Giudizio universale (2011).

    Vai alla scheda >>

    Gian Mario Villalta

    Gian Mario Villalta

    Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano (PN) nel 1959. Insegna in un liceo ed è direttore artistico del festival pordenonelegge.it. Ha pubblicato i libri di poesia: Altro che storie! (Campanotto, 1988); Vose de Vose / Voce di voci, (Campanotto, 1995, ristampato nel 2009); Vedere al buio (Sossella, 2007); Vanità della mente (Mondadori, 2011, Premio Viareggio 2011). Numerosi gli studi e gli interventi critici su rivista e in volume - tra questi i saggi La costanza del vocativo. Lettura della “trilogia” di Andrea Zanzotto (Guerini e Associati, 1992); Il respiro e lo sguardo. Un racconto della poesia italiana contemporanea (Rizzoli, 2005), e ha curato i volumi: Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura (Mondadori, 2001) e, con Stefano Dal Bianco, Andrea Zanzotto, Le Poesie e prose scelte (I Meridiani Mondadori, 1999). Del 2009 è il non-fiction Padroni a casa nostra (Mondadori). Il suo primo libro di narrativa, Un dolore riconoscente, è uscito presso Transeuropa nel 2000. Poi sono venuti i romanzi Tuo figlio (Mondadori, 2004) e Vita della mia vita (Mondadori, 2006). Nel marzo 2013 è uscito il suo terzo romanzo: Alla fine di un’infanzia felice (Mondadori).

    Vai alla scheda >>

    François Villon

    François Villon

    François Villon (1431-1463), annoverato tra i massimi poeti francesi, è un rappresentante della tradizione poetica tardomedioevale che spicca per originalità, intensità delle emozioni e vividezza delle immagini. Nelle poesie, rappresenta s‚ e la Parigi dell'epoca con la forza brutale della sincerità, ed esprime con profonda partecipazione, e insieme con grande padronanza della lingua e dello stile, i sentimenti di un mondo in mutazione, popolato da un'umanità varia, fatta di ricchi potenti e ipocriti, borghesi avidi e senza scrupoli, donne peccaminose, e miserabili malfattori.

    Vai alla scheda >>

    Giulia Villoresi

    Giulia Villoresi

    Giulia Villoresi (Roma, 1984) è laureata in Storia moderna ed è attualmente dottoranda all'Università Ca' Foscari di Venezia, dove si occupa di storia religiosa e istituzioni della Chiesa. Con Feltrinelli ha pubblicato il romanzo La Panzanella (2009) e Chi è felice non si muove (2014).

    Vai alla scheda >>

    Vanna Vinci

    Vanna Vinci

    Vanna Vinci, emersa nel mondo del fumetto all'inizio degli anni novanta, si è imposta come autrice di prima grandezza, seguita e apprezzata non soltanto dal pubblico italiano. Le sue opere sono infatti pubblicate in vari paesi, tra cui Francia, Germania e Inghilterra. Dotata di uno stile personalissimo, adatto a ogni genere di narrazione, la Vinci è anche creatrice della striscia umoristica La bambina filosofica (con protagonista il suo alter ego) e illustratrice di libri per ragazzi. Vive tra Bologna e Milano. Per Feltrinelli Comics ha pubblicato Io sono Maria Callas (2018).

    Vai alla scheda >>

    Nicole Vincileoni

    Nicole Vincileoni

    Vai alla scheda >>

    Paolo Vineis

    Paolo Vineis

    Paolo Vineis, medico, è professore di Epidemiologia ambientale all'Imperial College di Londra e professore aggiunto di Epidemiologia alla Columbia University di New York; dirige la sezione di Scienze della vita alla Fondazione ISI di Torino. Il suo campo principale di attività è la ricerca sulle cause ambientali dei tumori e l'interazione con la suscettibilità genetica. Ha pubblicato più di 400 articoli scientifici e alcuni libri: Il crepuscolo della probabilità (Einaudi 1999), Equivoci bioetici (Codice 2006). Ha curato, The Molecular Epidemiology of Chronic Diseases (con Chris Wild e Seymour Garte, Wiley 2008).

    Vai alla scheda >>

    Fabio Viola

    Fabio Viola

    Nato nel 1975 a Roma, dopo gli studi a La Sapienza e qualche anno come archivista del "Messaggero" si è trasferito in Giappone, a Osaka. Nel 2011 pubblica per Ponte alle grazie il romanzo Gli intervistatori. Era già uscito nel 2008 un lavoro a quattro mani con Cristiano de Majo, Italia 2. Viaggio nel paese che abbiamo inventato (minimum fax). Ha inoltre pubblicato diversi racconti su antologie come Sono come tu mi vuoi. Storie di lavori (Laterza, 2009) e Voi siete qui (minimum fax, 2007), nonché su riviste cartacee e digitali, alle quali ha anche collaborato con articoli e reportage. Tra di esse ricordiamo "Nazione indiana", "Il maleppeggio", "Carta", "ellittico", "TerraNullius".

    Vai alla scheda >>

    Marina Viola

    Marina Viola

    Marina Viola è la figlia di Beppe Viola. Nel 1992 si è trasferita a Boston. Mio padre è stato anche Beppe Viola (Feltrinelli, 2013) è il suo primo libro.

    Vai alla scheda >>

    Serena Viola

    Serena Viola

    Vai alla scheda >>

    Virgilio

    None Virgilio

    Publio Virgilio Marone nacque probabilmente a Andes, presso Mantova, nel 70 a.C., da famiglia di condizioni modeste. Sulla sua vita non mancano fonti ma è difficile accertare quali notizie siano vere. Sappiamo che fece i suoi studi a Cremona, Milano e Roma. Nella capitale strinse amicizia con il console Gaio Asinio Pollione, della fazione di Cesare e poi di Marco Antonio, cui dedicò la quarta egloga delle Bucoliche; con il poeta Lucio Vario Rufo, editore assieme a Plozio Tucca dell'Eneide; con il giurista Alfeno Varo, legato di Ottaviano per la distribuzione delle terre nel Cremonese e nel Mantovano ai veterani dopo la battaglia di Filippi, in occasione della quale Virgilio perdette i possedimenti paterni; con il letterato Quintilio Varo, cui Orazio dedicherà un'ode consolatoria per confortarlo della morte dell'amico; con Gaio Cornelio Gallo, poeta con incarichi politici che subì la damnatio memoriae, ragion per cui Virgilio dovette mutare l'iniziale dedica fatta a lui delle Georgiche; con Quinto Orazio Flacco, col quale si recò sulla via Appia alla volta di Brindisi durante le trattative tra Ottaviano e Marco Antonio.
    Virgilio si formò sulla filosofia di Epicuro, trasmessa da Lucrezio; dopo le Georgiche si orienterà verso la religiosità di concezioni misteriche dell'orfismo e del pitagorismo di Quinto Ennio e Nigidio Figulo; fu allievo dell'epicureo Sirone a Napoli.
    Virgilio fu presentato da Asinio Pollione a Cesare Ottaviano, che verso il 39 a.C. avviò un programma di riforma culturale affidandolo a Lucio Clinio Mecenate, un insostituibile appoggio nella formazione e nel consolidamento del principato augusteo, la cui domus sull'Esquilino fu luogo di incontro per i maggiori letterati del tempo.
    Delle opere virgiliane ricordiamo: la cosiddetta Appendix virgiliana (insieme di testi di attribuzione incerta, del periodo giovanile); le dieci egloghe delle Bucoliche (42-39 a.C.); i quattro libro delle Georgiche (38-37 a.C.), scritti sul modello delle Opere e i giorni di Esiodo e del De re rustica di Varrone, che Virgilio leggerà in una prima versione a Mecenate, alla presenza di Augusto di ritorno da una spedizione in Asia, in Campania; e infine l'Eneide, che occupò il poeta dal 29 a.C. fino alla sua morte. Per scrivere il suo poema epico, composto per lo più a Napoli e in Sicilia, Virgilio fece anche un viaggio verso la Grecia e l'Oriente assieme ad Augusto, che seguiva molto attentamente le fatiche del poeta e che lo ricondurrà poi malato a Brindisi dove questi morirà nel 19 a.C. Le biografie antiche concordano nel tramandare che Virgilio avrebbe voluto distruggere l'opera incompiuta ma che fu Augusto ad opporvisi e a salvare l'Eneide.

    Vai alla scheda >>

    Virginia Virilli

    Virginia Virilli

    Virginia Virilli è nata in Umbria nel 1983. Nel 2005 scrive il suo primo monologo Mammamiro, con il quale debutta nel 2006 a Roma, e poi al Teatro La MaMa ETC di New York con la regia di Ellen Stewart. Nel 2007 la trilogia Micamadonne (Sbinnonna SperanzaRoyPisciatina) vince il premio Donne e Teatro. Ha collaborato con il programma di approfondimento teatrale di Rai3 Chi è di scena e all’interno del seminario di scrittura di Stefano Benni. Nel 2008 è stata segnalata come attrice under 30 al premio Ubu, il maggiore riconoscimento italiano per nuovi interpreti. Feltrinelli ha pubblicato Le ossa del Gabibbo (2012).

    Vai alla scheda >>

    Carlo Vischi

    Carlo Vischi

    Vai alla scheda >>

    Giampaolo Visetti

    Giampaolo Visetti

    Giampaolo Visetti (1965) è stato direttore de “L’Adige”, “Il Trentino”, “Alto Adige” e “Il Corriere delle Alpi” e condirettore de “Il Gazzettino di Venezia”. In seguito è stato corrispondente de “la Repubblica” da Mosca, inviato in Africa e, dal 2009, da Pechino. Ha pubblicato Mai una carezza (Baldini Castoldi, 2008), Ex Italia (Baldini Castoldi, 2009) e Cinesi. Come vive, lavora, ama il popolo che comanda il mondo (Feltrinelli, 2012).

    Vai alla scheda >>

    Carolijn Visser

    Carolijn Visser

    Carolijn Visser (Leiden, Olanda, 1956) è giornalista free-lance e scrittrice affermata nel Nordeuropa.

    Vai alla scheda >>

    Rosanna Vitale

    Rosanna Vitale

    Vai alla scheda >>