Ha un nome e un volto l’assassino di Soumaila Sacko, il sindacalista maliano dell’USB residente nell’ex ghetto di San Ferdinando, ucciso da due colpi di fucile alla testa il 2 Giugno del 2018, mentre aiutava due amici a ripulire un pezzo di terra ricoperto di rottami in provincia di Vibo Valentia.
La Corte d’Assise di Catanzaro ha condannato a 22 anni di reclusione Antonio Pontoriero, per omicidio volontario.

«Questa sentenza è la dimostrazione che la vita dei braccianti, degli esclusi deve contare indipendentemente dal colore della pelle, dalla provenienza geografica o dall’orientamento religioso», ha concluso Aboubakar Soumahoro.

La battaglia di Aboubakar Soumahoro in favore dei diritti dei braccianti è stata raccontata nel libro Umanità in rivolta, Feltrinelli

Torna alle altre news >>