Descrizione

Filosofo della scienza, sociologo, economista e militante socialista, fondatore del "Circolo di Vienna" promotore del Movimento internazionale per l'Unità della scienza, Otto Neurath (Vienna 1882 - Oxford 1945) appare oggi come una delle personalità più spiccate e brillanti della "Grande Vienna". Stimato (e criticato) da Weber, Hayek e von Mises, contrastato da Russell, Ayer e Popper, in costante polemica con Wittgenstein, con Tarski e con gli stessi membri del Circolo di Vienna (come Schlick, Reichenbach e Carnap), Otto Neurath congiunge, nella sua straordinaria biografia, la partecipazione, talora drammatica, alle vicende politiche del suo tempo - nel '19 è membro della Repubblica spartachista bavarese, repressa nel sangue dopo pochi mesi di vita - con un instancabile attivismo sociale e una fervida passione intellettuale. La sua riflessione epistemologica va ben oltre l'orizzonte dell'empirismo logico viennese, approdando a un "empirismo senza dogmi" che congiunge la tradizione empiristica classica con lo scetticismo gnoseologico e il convenzionalismo di Duhem, Poincaré e Rey e con l'indeterminismo della fisica dei quanta formulato dalla scuola di Copenaghen. Su questa base Neurath propone una storicizzazione e una relativizzazione sociologica anche delle scienze 'più sicure', come la logica, la matematica, la fisica, la biologia. La concezione neurathiana della scienza - espressa dalla celebre metafora della nave costretta a continue riparazioni e autoristrutturazioni in mare aperto - ha così potuto ispirare il pragmatismo e il convenzionalismo scientifico di W.V.O. Quine ed è oggi guardata con crescente interesse, in Europa e negli Stati Uniti, come una sorprendente anticipazione delle tesi antipositivistiche di autori come Hanson, Feyerabend, Lakatos e soprattutto Thomas Kuhn. L'autore ricostruisce con cura filologica il pensiero di Neurath e ne sottolinea in particolare l'aspetto di generale alternativa filosofica, epistemologica e teorico-politica al [...]

Conosci l’autore

Danilo Zolo

Danilo Zolo ha insegnato Filosofia del diritto e Filosofia del diritto internazionale nella facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Firenze. È stato Visiting Fellow in numerose università inglesi e statunitensi e nel 1993 gli è stata assegnata la Jemolo Fellowship presso il Nuffield College di Oxford. Ha tenuto corsi di lezioni in Argentina, Brasile, Messico e Colombia. Nel 2001 ha fondato la rivista elettronica internazionale “Jura Gentium”. Fra i suoi scritti: Reflexive Epistemology (Kluwer, 1989); Democracy and Complexity (Polity Press, 1992); I signori della pace (Carocci, 1998); Invoking Humanity: War, Law and Global Order (Continuum, 2002); Globalizzazione. Una mappa dei problemi (Laterza,); La giustizia dei vincitori (Laterza, 2006). Per Feltrinelli ha pubblicato: Scienza e politica in Otto Neurath (1986); Il principato democratico (1992); Cosmopolis (1995); Lo Stato di diritto (con Pietro Costa; 2002); L’alternativa mediterranea (con Franco Cassano; 2007); L’alito della libertà. Su Bobbio (2008) e Sulla paura (2011).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 1986
Collana: 
Campi Del Sapere
Pagine: 
216
Prezzo: 
12,91€
ISBN: 
9788807100550
Genere: 
Saggistica, Università