Conosci l’autore

Vittorio Gregotti

Vittorio Gregotti (Novara, 1927), architetto, urbanista, saggista, dopo la laurea in architettura nel 1952 al Politecnico di Milano, ha lavorato con Ludovico Meneghetti e Giotto Stoppino (Architetti Associati), ha poi fondato nel 1974 la Gregotti Associati, di cui è presidente. Professore ordinario di Composizione architettonica presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, ha insegnato presso le facoltà di Architettura di Milano e Palermo, ed è stato visiting professor in diverse università straniere. Ha partecipato a numerose esposizioni nel mondo e ha ricevuto diversi riconoscimenti internazionali, si è occupato della Biennale di Venezia, è membro del Bund der deutschen Architekten e membro onorario dell’American Institute of Architects. Già direttore di “Casabella” e “Rassegna”, ha collaborato anche con “Corriere della Sera” e “la Repubblica”. Oltre a Il territorio dell’architettura (Feltrinelli, 1988), tra i suoi libri: Il disegno del prodotto industriale (Electa, 1982), Questioni di architettura (Einaudi, 1986), Dentro l’architettura (Bollati Boringhieri, 1991), La città visibile (Einaudi, 1993), Identità e crisi dell’architettura europea (Einaudi, 1999), Diciassette lettere sull’architettura (Laterza, 2000), Autobiografia del XX secolo (Skira, 2005), L’architettura nell’epoca dell’incessante (Laterza, 2006), Tre forme dia architettura mancata (Einaudi, 2010), Architettura e postmetropoli (Einaudi, 2011), Incertezze e simulazioni (Skira, 2012), Il sublime al tempo del contemporaneo (Einaudi, 2013).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 1988
Collana: 
Campi Del Sapere
Pagine: 
184
Prezzo: 
14,46€
ISBN: 
9788807100758
Genere: 
Saggistica, Università