Descrizione

“Io sono sempre grande, è il cinema che è diventato piccolo,” diceva la vecchia star del muto in Viale del tramonto. Ma ogni tanto compaiono film che hanno la capacità di rievocare la grandezza del cinema del passato nel cuore del pubblico di ogni età.
È il caso di The Artist, rivelazione al Festival di Cannes 2011 e asso pigliatutto agli Oscar 2012, la storia di un divo degli anni Venti silurato da Hollywood all'avvento del sonoro e poi risorto grazie all'amore di una donna. Ma è soprattutto la scommessa di un film muto, in bianco e nero, che nell’era del 3D ci regala il sogno di un mondo lontano che rivive magicamente sotto i nostri occhi.
Perché la passione per il cinema non ha bisogno di parole.

Il libro Senza parole a cura di Emilia Bandel, pp. 96.
L'eco della stampa: contributi di Vincenzo Cerami, Fulvia Caprara, Oscar Cosulich. La voce dei protagonisti: interviste al regista Michel Hazanavicius, ai protagonisti Jean Dujardin e Bérénice Bejo, al direttore della fotografia Guillaume Schiffman e al compositore Ludovic Bource. Il suono della storia: "Il cinema americano degli anni di Roosevelt" di Gianni Rondolino, "Star disciplinate" di Cristina Jandelli, "Il cinema italiano dice mamma" di Gian Piero Brunetta. In Appendice: il passaggio dal muto al sonoro, filmografia essenziale.

Conosci l’autore

Michel Hazanavicius

Michel Hazanavicius (1967) è un regista francese. Il suo primo lungometraggio, Mes amis, risale al 2004, ed è interpretato dal fratello Serge. La sua vena comica emerge nel 2006, quando dirige il primo episodio di OSS 117, le assurde avventure di un agente segreto francese interpretato da Jean Dujardin. La definitiva consacrazione internazionale di Michel Hazanavicius è l’Oscar per l’originalissimo The Artist (Feltrinelli “Le Nuvole”, 2012).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Maggio, 2012
Collana: 
Le Nuvole
Pagine: 
96
Prezzo: 
16,90€
ISBN: 
9788807730528
Genere: 
Home Cinema