Descrizione

Il giovane Asa, dopo molti anni di vita sulle navi militari della flotta sovietica torna a vivere con la famiglia della sorella in una yurta, la casa nomade dei pastori kazaki.
E qui Asa vuole finalmente coronare il suo sogno: comprare un gregge e diventare pastore. Ma non è così semplice: per avere un gregge bisogna avere una sposa, dice la legge. E Asa non è tipo da sposare la prima ragazza che la famiglia gli combina, anche perché nel frattempo si è innamorato della bella e sfuggente Tulpan … che però non vuol saperne di Asa perché … interviene allora il veterinario che …
Insomma un racconto d’amore quasi classico che si compie in un paesaggio assoluto e surreale, tra scambi di persone, tempeste di neve, trattori musicali e veterinari in cammello.
Il film, presentato e premiato alla Berlinale 2008, ha conquistato le platee occidentali, un piccolo caso cinematografico arrivato dall’Asia centrale.
Con il libro Come tulipani nella steppa , introduzione di E.Sallustro, interviste al regista, contributi critici di P. Mereghetti e A. Morsiani, reportage dal Kazakhstan di D.Giammaria. A cura di A.Bignami.

Conosci l’autore

Sergei Dvortsevoy

Sergei Dvortsevoy (1962), kazako, ha abbandonato la carriera di ingegnere aeronautico per diventare regista. Con i soldi della liquidazione ha prodotto il suo primo documentario, Bread day, che è stato selezionato in tutti i festival internazionali e ha ottenuto vari premi in tutto il mondo, fino a diventare un vero classico del cinema documentario, lavoro seminale a cui molti registi si sono in seguito ispirati. Il secondo documentario Highway, attesissimo, ha confermato il talento di Dvortsevoy. Tulpan (Feltrinelli “Le Nuvole”, 2009) è il suo primo film con attori.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Ottobre, 2009
Collana: 
Le Nuvole
Pagine: 
48
Prezzo: 
18,90€
ISBN: 
9788807730269
Genere: 
Home Cinema