Descrizione

Scrivere tutti i giorni, per anni, usando il materiale che la cronaca, la politica, il costume ci rovesciano addosso a ritmo forsennato. Scrivere cercando di rifare un poco di ordine, di ridare un minimo di significato alle notizie, agli umori pubblici e privati, alle proprie reazioni. Scrivere come se scrivere fosse una misura di igiene mentale, una ginnastica emotiva, uno sgranchire la ragione, cercando di riattivare se stessi, ogni mattina, per non lasciarsi sopraffare dal troppo che accade.
È quanto fa Michele Serra sulla ‟Repubblica”, ormai da sette anni, riuscendo a stabilire una forte sintonia quotidiana con i suoi lettori, molti dei quali, dopo un’occhiata ai titoli di prima pagina, vanno subito alla pagina dei Commenti per leggere le venti righe dell’‟Amaca”.
Appuntamento ormai classico della stampa nazionale, quel corsivo è un piccolo termometro dei sentimenti civili di molti italiani che nelle parole di Serra cercano la verifica, oppure la smentita, del loro stato d’animo. Con i suoi molteplici registri (satira, moralità, insofferenza, ilarità…), l’‟Amaca” ha tracciato, nel tempo, un notevole campionario delle opinioni, virtuose e anche no, pugnaci ma anche dubbiose, dell’opinione pubblica progressista di un paese sottoposto, specie ultimamente, a sollecitazioni e sbalzi d’umore anche squassanti. Lungo questo percorso, tra Serra e i suoi lettori si è stabilita una consuetudine molto amichevole e quasi affettuosa: una conversazione civile che trova, in questo libro, una efficace sintesi della migliore vena di Serra e dunque, implicitamente, dei suoi lettori.

Video

Conosci l’autore

Michele Serra

Michele Serra Errante è nato a Roma nel 1954 ed è cresciuto a Milano. Ha cominciato a scrivere a vent’anni e non ha mai fatto altro per guadagnarsi da vivere. Scrive su “la Repubblica” e “L’Espresso”. Scrive per il teatro e ha scritto per la televisione. Ha fondato e diretto il settimanale satirico “Cuore”. Per Feltrinelli ha pubblicato, tra l’altro, Il nuovo che avanza (1989), Poetastro (1993), Il ragazzo mucca (1997), Canzoni politiche (2000), Cerimonie (2002), Gli sdraiati (2013), Ognuno potrebbe (2015), Il grande libro delle Amache (2017), La sinistra e altre parole strane (2017) e Le cose che bruciano (2019).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Maggio, 2006
Collana: 
Varia
Pagine: 
162
Prezzo: 
12,00€
ISBN: 
9788807490460
Genere: 
Saggistica 

Extra